Le 9 regole base 

L'unico modo di fare un ottimo lavoro è amare quello che fai.
Se non hai ancora trovato ciò che fa per te, continua a cercare, saprai di averlo trovato non appena ce l'avrai davanti.
( Steve Jobs)
UN PROGETTO non è solo creare cose,   ma anche STRATEGIE e connessioni TRA le persone.
Progettare uno spazio osservando i vari comportamenti che si generano al suo interno contribuisce a rendere un luogo più umano. Rende le persone più efficienti, creative e pronte a promuovere discussioni che svolgono un ruolo essenziale nel processo di sviluppo, abbattendo muri e stimolando la collaborazione.
Di seguito le 9 regole:
1/1

1. semplicità e naturalezza

Organizza una base architettonica funzionale, semplice, chiara. E su di essa lavorare per livelli. Porta oggetti personali, foto di famiglia, ciò che ti fa star bene perché questo crea un’anima al luogo e fornisce  benefici immediati. Questi oggetti illuminano un ufficio magari noioso e creano senso di comunità tra i colleghi, inoltre ti aiuteranno a comportarti in maniera più naturale.

2. luce naturale

Abbiamo bisogno di luce per l’energia e la crescita, per questo lo spazio ufficio deve avere molta luce naturale perché ha effetti benefici sulla salute e può stimolare la creatività. Quindi porte e pareti di vetro sono preferibili perchè  favoriscono la propoagazione della luce.

3. comfort

un buon riscaldamento e raffreddamento e delle buone sedute

La temperatura dell’ambiente deve essere giusta per permettere di lavorare in maniera confortevole e produttiva. E nulla di più sbagliato che avere sedie scomode, nel budget è bene considerare dei prodotti validi, faranno la differenza.

4. spazi differenti

diverse tipologie di aree di lavoro

Lo spazio deve essere su misura per tutti, dando la possibilità di scegliere tra aree di lavoro, incontro e relax  e spazi per socializzare. Come un buon ristorante, al cui interno vi sono varie ambientazioni da scegliere, uno spazio di lavoro deve essere progettato con lo stesso metodo.

5. angolo caffè

Indispensabili gli spazi informali comuni: l’angolo del caffè funge proprio da riferimento per l’ispirazione, l’incontro o la boccata d’ossigeno. Attorno a questo spazio ci devono essere tutti gli elementi essenziali per l’interazione, la comunicazione e la commistione casuale.

6. organizzazione e segnaletica

Capita spesso di entrare in uno spazio di lavoro e non capire dove posso trovare quello che sto cercando. Per agevolare un buon lavoro è necessario lavorare in maniera grafica per sottolineare elementi, spazi, funzioni particolari, e per segnalare persone con ruoli di riferimento. Inoltre è utile avere bacheche con informazione e messaggi, crea community e agevola la sua costruzione.

7. i colleghi

E' simpaico e interessante avere una bacheca con la foto e la presentazione delle persone, abbassa i muri e crea subito una migliore disposizione all’ascolto, all’interazione e alla collaborazione. Ciò che fa la vera differenza sono le persone con le quali si lavora o con cui ci si mette in relazione.

8. verde e materiali naturali

La presenza di piante all’ interno dello spazio di lavoro o di fronte ai propri occhi distende la mente e crea un’atmosfera più piacevole. Meglio utilizzare  materiali che riflettano scelte etiche e sostenibili per creare spazi che minimizzino il loro impatto sull’ambiente.

9. flessibilità degli spazi

La struttura dello spazio di lavoro deve essere modulare, con pareti che possono essere facilmente riconfigurate per soddisfare le esigenze delle persone quando nuove idee richiedono nuove finalità dallo spazio. Progetta le stanze in maniera da evitare il senso di gerarchia. Gli spazi dovrebbero essere in grado di venire riarrangiati all’infinito con pareti scorrevoli, mobili e tavoli su ruote, sgabelli.